PERCHE’ SONO ARRABBIATA CON LA SCUOLA


La-buona-scuola-e1415729572884Sempre più spesso mi ritrovo a pensare al futuro di mio figlio. Come farà una professionista come me, con le sue idee, le sue teorie, la sua formazione, ad accettare che un giorno suo figlio sarà a scuola. Una scuola che oggi come oggi NON MI PIACE.

Eh, sì, avete capito bene. La scuola così com’è non mi piace e non ho remore nel dirlo. Non mi piace una scuola dell’infanzia dove i bambini “lavorano”, un termine usato sempre più spesso. E badate bene. Non è che io stia facendo una crociata contro gli insegnati. Perchè di molti, moltissimi ho stima e rispetto per il duro lavoro che svolgono (anche con le famiglie, che a volte, non aiutano proprio…). Il problema sta a monte. Sta nel fatto che la programmazione educativa e didattica viene fatta da persone che di scuola, ma soprattutto di bambini e di pedagogia non sanno proprio niente.

E poi mi guardo intorno e vedo realtà in europa dove si dà spazio al gioco, alla motricità, all’arte, al talento, alla musica, al teatro… e così via. Dove i bambini imparano a stare insieme, imparano la tolleranza, imparano ad esprimersi, imparano a essere come sono e a sviluppare talenti. Dove non c’è il libretto prestampato con “colora la palla a destra del bambino”, dove si fa, dove la destra e la sinistra per esempio viene insegnata attraverso lo sport e non attraverso le schede. Sapete qual è una delle situazioni di oggi più frequenti? I bambini non sanno stare insieme, non sanno cooperare, non sanno portare avanti progetti, spesso non sanno cosa significa esprimere le proprie idee e fare una discussione.

Parliamo della scuola primaria? Una scuola che spesso si basa sulla ripetizione e sull’esercizio. Dove non si esce mai o quasi (forse in ricreazione). Dove i progetti sono pochi o nessuno (progetti di scienze, esperimenti, atelier artistici, educazione civica, musica come ascolto, espressione di sè e così via). Ricordo con non poco dispiacere che ci sono le fantastiche prove Invalsi, di un’utilità direi stupefacente.

E poi. Poi questi bambini diventano ragazzi e dovrebbero improvvisamente saper convivere, lavorare in autonomia, cooperare, capire il mondo sociale ed essere adeguati (rispettosi, con senso civico), maturi?????? E dove inevitabilmente si scontreranno con il mondo del lavoro dove probabilmente ad un colloquio ci si gioca tutto. Dove, un datore di lavoro li vorrà ascoltare, chiederà loro le competenze trasversali come l’autonomia, la capacità di lavorare in team, l’organizzazione del lavoro e così via. Ma quando e come questi ragazzi hanno imparato tutto questo? O pensiamo forse che nelle relazioni con gli altri e nel lavoro gli sarà proposto un test a risposta multipla?

Annunci