Dislessia e audiolibri

Per le persone con difficoltà negli apprendimenti è fuor di dubbio che il racconto orale è la strada più facile verso l’apprendimento.

I bambini con DSA hanno un diverso modo di imparare, ma comunque possono imparare. Bisogna offrire loro la possibilità di farlo. Essi richiedono quindi un programma didattico adeguato alle loro caratteristiche poiché non dispongono delle risorse per adattarsi al metodo standard comunemente proposto dai docenti e valido per la maggior parte dei ragazzi. Continua a leggere

Annunci

Musica e memoria

In una celebre clinica neurologica di New York medici e terapisti fanno cantare i malati di Alzheimer scoprendo che la musica può creare nuove memorie. Dicono gli studi che bastano dieci mesi di terapia musicale perchè i pazienti migliorino le prestazioni nei test cognitivi anche del 50 per cento. Il famoso neurologo Oliver Sacks (Risvegli) ha osservato il potere della musica e della canzone in particolare sui pazienti con Parkinson. Un esempio: un paziente si muoveva troppo velocemente nella parte destra del corpo e troppo lentamente nella sinistra. Però quando si metteva a suonare le sue mani si muovevano in perfetta sincronia. La musica serve in altri casi: può aiutare i bambini prematuri a guadagnare peso, i bambini autistici a comunicare, che ha avuto un infarto a tornare a parlare, i pazienti psichiatrici a controllare ansia e depressione. E in maniera sempre più determinante la musica ha una funzione nel recupero della memoria, perchè attiva emozioni che stimolano aree del cervello che non funzionano bene o non funzionano affatto come nel caso di malattie degenerative. Continua a leggere

Cosa fare per la discalculia

Le azioni professionali utili per contrastare la discalculia rimanda all’ambito delle competenze pedagogiche, un insieme di attività specialistiche abilitative di natura educativa e di avvertenze organizzative e procedurali per la scuola.

Possiamo individuare alcuni ambiti di azione educativa:

1. La prevenzione.

2. La diagnosi.

3. Il trattamento abilitativo.

4. Le avvertenze organizzative e didattiche per la scuola.

Questa volta mi occuperò dell’aspetto della prevenzione. Continua a leggere

Riconoscere la discalculia

La discalculia interessa le seguenti azioni matematiche (una sola, tutte, in parte)

DISTURBI  PRENUMERICI

– movimento nel tempo;

– movimento nello spazio;

– percezione delle quantità;

– manipolazioni di quantità (classificazioni, seriazioni, corrispondenze, aggiunte, partizioni,

sottrazioni, equivalenze); Continua a leggere

Correlazione tra sistema visivo e altri sistemi

Torniamo a parlare di correlazione tra i sistemi: in questo  caso sistema visivo e altri sistemi.

I bambini che presentano disfunzionalità visiva hanno un livello più basso di performance rispetto all’elaborazione delle informazioni con una maggiore disfunzione per quanto riguarda organizzazione e orientamento. Continua a leggere

In cosa consiste una diagnosi pedagogico clinica?

Quando ci si trova a dover affrontare un problema ci si chiede anche quale sia la strada da seguire. E a questo punto ci si presenta davanti un mondo di professionisti diversi ognuno con la sua specializzazione e ognuno con una sua impronta metodologica precisa. Ma per un genitore o una persona in difficoltà non è facile orientarsi tra le tante professionalità e le relative correnti di pensiero. E allora cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Continua a leggere

Mio figlio è dislessico? Riconoscere la dislessia – il primo passo

Tutti conoscono la parola dislessia ma pochi sanno cosa significa veramente. E qui mi riferisco soprattutto agli insegnati e ai genitori che hanno la possibilità di intervenire precocemente se conoscono meglio il problema. Ma quante scuole fanno aggiornamento ai propri insegnanti, un aggiornamento che non sia solo informazione ma formazione, magari proprio formazione sul campo. Ma spesso parlo con insegnanti che non hanno la più pallida idea di che cosa sia la dislessia, di quali sono le ripercussioni e quale il metodo di insegnamento più adeguato. Continua a leggere